Simonetta Matone

Laureata in giurisprudenza con il massimo dei voti presso l’Università “La Sapienza” di Roma nel 1976, a 26 anni, nel 1979, diventa vicedirettore del penitenziario delle Murate a Firenze. Nel 1980 vince il concorso in magistratura e fino al 1982 è giudice presso il Tribunale di Lecco e dal 1983 al 1986 è Magistrato di Sorveglianza a Roma. Svolge le funzioni di Capo della Segreteria del Ministro della Giustizia Vassalli dal 1987 al 1991 e dal 1991 al 2008 è Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minori di Roma, con il grado di Consigliere di Cassazione. Dal  2008 al 2010 è capo gabinetto del Ministro per le Pari Opportunità. Dal gennaio 2015 è Sostituto Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Roma. Rappresenta l’Italia presso il Consiglio d’Europa presso il CDCJ, per il Reclamo Collettivo, presso il Comitato Permanente della Convenzione Europea, sull’esercizio dei diritti del minore. Nel 1992 fonda, con altre colleghe, l’A.D.M.I. – Associazione Donne Magistrato Italiane. Ha vinto numerosi Premi, tra cui il Premio Donna, il Premio Minerva per la Giustizia, il Premio IL Collegio, il Premio Donna della Regione Lazio, il Premio Anima, il Premio Sostantivo Femminile e in ultimo nel 2013 il Premio Bellisario.