Paolo Crepet

Psichiatra e sociologo, esperto nel campo della ricerca sul tentato suicidio, dell’epidemiologia psichiatrica e della psichiatria sociale. Collabora con «Specchio» de “La Stampa” e “ Anna”. È stato medico ricercatore presso l’Ospedale Psichiatrico Provinciale di Arezzo nell’ambito dell’Unità Operativa del Progetto Finalizzato del Consiglio Nazionale delle Ricerche “Prevenzione delle Malattie Mentali” dal 1977 al 1979. Ha coordinato il “Primo corso di metodi e applicazioni dell’epidemiologia psichiatrica” organizzato dall’Istituto Superiore della Sanità e dal C.N.R. e patrocinato dall’O.M.S. nel 1981. È stato responsabile scientifico dell’Unità Operativa del Comune di Roma, Assessorato al Coordinamento alle U.S.L., nell’ambito del Progetto Finalizzato del C.N.R. “Medicina Preventiva e Riabilitativa” (1983-88) e (con il Prof. Giuseppe Vetrone) di una ricerca multicentrica dell’Istituto Italiano di Medicina Sociale, in collaborazione con la Cattedra di Igiene Mentale dell’Università di Roma, dal titolo “Indagine sugli effetti psicosociali della disoccupazione tra i giovani” dal 1989 al ’91. Dal 1989 al ’92 professore a contratto di “Psichiatrica Sociale II” presso l’Istituto di Psichiatria e Psicologia Medica della Facoltà di Medicina dell’Università di Napoli. Ricercatore senior per l’Istituto Italiano di Medicina Sociale e consulente dell’Osservatorio Nazionale per lo studio delle tossicodipendenze in ambiente carcerario del Ministero di Grazia e Giustizia. È stato professore a contratto di “Psichiatrica Sociale II” presso l’Istituto di Psichiatria e Psicologia Medica della Facoltà di Medicina dell’Università di Napoli (1995-2000) e di “Linguaggi e culture giovanili” presso il corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università di Siena (1998-2002). Dal 2004 al 2014è stato Direttore scientifico di Scuola per Genitori a Vicenza, Treviso, Forlì, Cesena, Trento, Brescia, Terni, Oristano. Dal 2014 a oggi è Consulente del progetto “Scuola modello, aree ex Falck”, Sesto San Giovanni, progetto coordinato dall’architetto Renzo Piano. Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo: Le dimensioni del vuoto. I giovani e il suicidio, Feltrinelli 1993; Cuori violenti. Viaggio nella criminalità giovanile,Feltrinelli 1995; Non siamo capaci di ascoltarli. Riflessioni sull’infanzia e sull’adolescenza, Einaudi 2001; Voi, noi. Sull’indifferenza di giovani e adulti  Einaudi 2003;  I figli non crescono più  Einaudi 2005; Sull’Amore Einaudi 2006; La Gioia di educare, Einaudi 2008; Sfamiglia. Vademecum per un genitore che non si vuole rassegnare,  Einaudi 2009; L’autorità perduta. Il coraggio che i figli ci chiedono Einaudi 2011; Elogio dell’amicizia, Einaudi 2012: Impara a essere felice, Einaudi 2013.