Mimmo Candito

E’ giornalista e scrittore. Trasferitosi a Genova negli anni Sessanta, viene assunto al comune del capoluogo ligure e inizia a collaborare con Il Lavoro scrivendo articoli di cinema e cultura. Nel 1970 è assunto dal quotidiano torinese La Stampa, per il quale diventa inviato speciale e commentatore di politica internazionale. Corrispondente di guerra dai principali teatri di conflitto in Medio Oriente, Asia, Africa e Sud America, ha seguito tra l’altro l’Invasione sovietica dell’Afghanistan, l’operazione Enduring Freedom del 2002, i bombardamenti del Kosovo nel 1999, la guerra Iran-Iraq e le due guerre del Golfo, la guerra delle Malvinas. È inoltre dal 1999 presidente italiano di Reporter Senza Frontiere e dal 2001 direttore della rivista culturale L’indice dei libri del mese. Ha collaborato con la Rai conducendo Prima Pagina su RadioTre. È docente di Linguaggio giornalistico presso l’Università degli Studi di Torino. Ha vinto alcuni premi giornalistici, tra cui il “Max David” e il “Luigi Barzini” come migliore inviato italiano. Ha pubblicato numerosi libri: L’apocalisse Saddam. La vera storia della guerra di Bush, Baldini Castoldi Dalai, 2002, I reporter di guerra, Baldini Castoldi 2002, Il braccio legato dietro la schiena. Storie dei giornalisti in guerra, Baldini Castoldi 2004, insieme a F. Contorbia, Giornalismo italiano, vol. 2, Mondadori, 2007, 55 vasche Le guerre, il cancro e quella forza dentro, Rizzoli 2016.