Massimo Gaudioso

Dopo la laurea in Economia e Commercio si trasferisce prima a Milano e poi a Roma dove lavora come copywriter, sceneggiatore e regista free-lance. Dal 1983 al 1995 realizza numerosi documentari, filmati industriali, spot, video istituzionali, sigle e programmi televisivi per importanti aziende, musei ed enti istituzionali; intanto frequenta corsi e seminari di sceneggiatura (Pirro, Benvenuti, Mc Kee, Seger) e regia (Loy, Michalkov). Nel 1995, con Eugenio Cappuccio e Fabio Nunziata, scrive, dirige, interpreta e produce un cortometraggio in 16mm Il Caricatore, che vince il Festival Arcipelago, il Pardo d’oro e il Premio del pubblico dei giovani al Festival di Locarno. L’anno dopo Il Caricatore diventa un lungometraggio che vince il Premio Holden al Festival di Torino per la sceneggiatura e numerosi altri premi.

Lavora  soprattutto come sceneggiatore, in particolare per i film di Matteo Garrone (da Estate romana a Il racconto dei racconti). Sue sono pure le sceneggiature di Il passato è una terra straniera (2008) di Daniele Vicari, Pranzo di ferragosto (2008) di Gianni Di Gregorio,  Benvenuti al Sud (2010) di Luca Miniero e L’abbiamo fatta grossa (2016) di Carlo Verdone. Nel 2016 dirige, per la prima volta da solo, il film con Silvio Orlando e Fabio Volo Un paese quasi perfetto,  ambientato in un paesino sperduto nelle Dolomiti lucane che rischia di scomparire. Soltanto grazie all’aiuto di un rampante chirurgo milanese gli abitanti potranno sperare in una rinascita…