Livia Turco

Nata a Morozzo (Cuneo) il 13 febbraio del 1955, giovanissima si iscrive alla Fgci di Torino e ne diventa segretario provinciale nel 1978. È consigliere regionale in Piemonte dall’1983 al 1985 e consigliere comunale a Torino dal 1985 al 1986. Nel 1986 entra a far parte della Segreteria nazionale del PCI ed è responsabile nazionale delle donne dal 1986 al 1994. Dal novembre 2001 fa parte della Segreteria nazionale dei Democratici di Sinistra dove ricopre l’incarico di responsabile del Dipartimento welfare.Èeletta alla Camera dei Deputati dalla X alla XIV legislatura. Nella X legislatura fa parte della Commissione Giustizia e nella XI della Commissione Lavoro pubblico e privato. Dal 1995 al 1996 è Presidente della Commissione per la parità e pari opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nella XIII legislatura diventa Ministro della Repubblica per la Solidarietà sociale con il governo Prodi, poi riconfermata nei governi D’Alema e nel secondo governo Amato. Durante l’esperienza di governo si dedica in modo particolare ai temi della famiglia, dell’infanzia, della disabilità e dell’immigrazione. È promotrice di molte leggi, in particolare degli interventi sull’immigrazione, sull’assistenza e sul sostegno della maternità e paternità. Dal 28 aprile 2006 è senatrice della Repubblica. Il 17 maggio 2006 assume l’incarico di Ministro della Salute nel secondo governo Prodi. Nel 2011, insieme a Marisa Malagoli Togliatti, promuove una Fondazione intitolata a Nilde Iotti (www.fondazionenildeiotti.it) dedicata alla politica, alla cultura e alla società dal punto di vista delle donne.