Gustavo Zagrebelsky

Nominato Giudice Costituzionale nel 1995, è stato Presidente della Corte Costituzionale dal 28 gennaio 2004 fino allo scadere del suo mandato, il 13 settembre 2004. Professore emerito della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Torino dal 2009,  èattualmente docente di Diritto Costituzionale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Torino e dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa a Napoli. Collabora con i più importanti quotidiani italiani quali La Repubblica e La Stampa, è socio corrispondente dell’Accademia Nazionale dei Lincei. È presidente onorario dell’associazione Libertà e Giustizia e presidente della Biennale Democrazia.

Tra le sue numerose pubblicazioni: Il diritto mite. Legge, diritti, giustizia, Einaudi 1992; Il “crucifige!” e la democrazia, Einaudi 1995; La domanda di giustizia, con Carlo Maria Martini,  Einaudi 2003; La leggenda del grande inquisitore, Morcelliana 2003; Principi e voti. La Corte Costituzionale e la politica, Einaudi 2005; Norberto Bobbio tra diritto e politica, con Massimo Salvatori e Riccardo Guastini , Laterza 2005; Essere delle istituzioni, Editoriale Scientifica 2005; Imparare democrazia, Einaudi 2007; Giuda. Il tradimento fedele, Morcelliana 2007; La legge e la sua giustizia, Il Mulino 2009; Fondata sulla cultura. Arte, scienza e Costituzione, Einaudi 2014; Loro diranno, noi diciamo. Vademecum sulle riforme istituzionali, Laterza 2016.