Gianni Vattimo

Filosofo e politico, tra i massimi esponenti della corrente postmoderna, è teorizzatore del pensiero debole. Si è laureato in Filosofia nel 1959 a Torino ed ha conseguito la specializzazione a Heidelberg, con Karl Löwith e Hans Georg Gadamer, di cui ha introdotto il pensiero in Italia. Dal 1969 è ordinario di Estetica all’Università di Torino, e dal 1982 al 2008 è ordinario di Filosofia teoretica presso la stessa Università. In seguito è stato nominato Professore emerito. Ha insegnato come visiting professor negli Stati Uniti e ha tenuto seminari in diversi atenei del mondo. È stato direttore della Rivista di estetica, membro di comitati scientifici di varie riviste italiane e straniere, socio corrispondente dell’Accademia delle Scienze di Torino, nonché editorialista per i quotidiani La Stampa e La Repubblica e per il settimanale L’Espresso. Attualmente dirige la rivista Tropos. Rivista di ermeneutica e critica filosofica, edita da Aracne Editrice. Per le sue opere ha ricevuto lauree honoris causa dalle Università di La Plata, Palermo, Madrid e dalla Universidad Nacional Mayor de San Marcos di Lima. È stato più volte docente alle Vacances de l’Esprit (1995, 1997 e 2004). Ha svolto attività politica nel parlamento italiano ed europeo. Numerose sono le sue pubblicazioni, oltre un annuario filosofico a carattere monografico (Filosofia 86-95) pubblicato da Laterza.