Corrado Calabrò

Laureato in giurisprudenza all’Università di Messina. Ha fatto carriera prima nella Corte dei Conti e poi, dal 1968, nel Consiglio di Stato, del quale nel 1982 è diventato Presidente di Sezione del Consiglio di Stato. Nell’organismo di secondo grado della giustizia amministrativa si è occupato sia delle sezioni giurisdizionali che di quelle consultive ed è stato anche addetto al Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Sicilia. Dal 1990 è stato presidente aggiunto della Terza sezione del Consiglio di Stato, passando alla Quinta nel 1996. L’anno successivo è diventato presidente titolare della III sezione, incarico mantenuto fino al 31 dicembre 2000. Nel mese di luglio del 1999 è stato eletto presidente dell’Associazione magistrati del Consiglio di Stato, incarico che ha conservato fino al mese di settembre del 2001. Il 1° gennaio 2001 è diventato presidente titolare della sezione per gli atti normativi. L’1 ottobre dello stesso anno è diventato presidente del Tribunale amministrativo regionale del Lazio, presiedendo anche la I sezione, dedicata alla funzione pubblica nell’economia con particolare attenzione all’Antitrust, alla Consob e alla Banca d’Italia. Nella sua carriera è stato anche presidente del Comitato consultivo permanente per il diritto d’autore. Il 9 maggio 2005 è stato nominato, con decreto del presidente della Repubblica, su indicazione del Consiglio dei ministri e col voto favorevole del Parlamento, presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, carica che ha ricoperto fino a luglio 2012.Calabrò, specialista di diritto del lavoro e di diritto amministrativo, è autore di numerosi volumi in materia.
Sin dal 1960 Calabrò ha svolto anche un’intensa attività letteraria, come autore di poesia e narrativa. Per la sua opera letteraria, l’università Mechnikov di Odessa e l’università Vest Din di Timisoara gli hanno conferito la laurea honoris causa.