Anna Cammarano

Ha conseguito il baccalauréat (philosophie) al Lycée Chateubriand  di Roma. Si è laureata in Scienze politiche con una tesi di archivio in Storia moderna all’Università La Sapienza di Roma dove è stata, per alcuni anni, assistente volontaria presso la cattedra di storia moderna.Successivamente ha avuto esperienze lavorative in Francia nel campo pubblicitario. Rientrata a Roma è stata assunta alla Rai dove ha svolto tutta la sua carriera, dapprima come programmista regista alla Rete3 e successivamente come dirigente alla Rete 1  con la qualifica di capo Struttura con responsabilità crescenti in “programmi di prossimità” come la mattina di Rai Uno, in particolare Unomattina, ma anche spettacoli di prima serata che non rientravano nel genere del varietà e, in generale, tutti i programmi culturali della Rete. Successivamente, con la qualifica di vice direttore ha lavorato alla creazione del catalogo multimediale delle Teche Rai pur mantenendo l’incarico di  gestire per conto della Rai i rapporti con le grandi istituzioni musicali italiane (dal Teatro alla Scala di Milano, a Parma, a Bologna, Venezia, Ferrara, Ravenna, Perugia, Roma, Napoli e Palermo). Nominata direttore di Rai Trade con l’incarico di promuovere e vendere il vasto catalogo musicale e operistico della Rai per il quale, negli anni, ha lavorato alla sua costituzione, ha anche, in collaborazione con le Regioni italiane, realizzato programmi, da proporre sui mercati internazionali dell’audiovisivo, per la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, le sue bellezze paesaggistiche, la sua cultura e lo stile di vita.Nella sua ultima posizione professionale è stata direttore del canale satellitare Premium. Oggi in pensione, continua a dedicarsi al volontariato presso il Centro Astalli (Jesuite Refugee Service), con il quale negli anni ha lavorato con incarichi diversi.