Aldo Clementi

Ha iniziato in giovane età lo studio del pianoforte, sotto la guida di Giovanna Ferro, diplomandosi nel 1946. Ha studiato composizione, divenendo ben presto allievo di Alfredo Sangiorgi, con il quale entrò in contatto con la musica della seconda scuola di Vienna e la dodecafonia. Nel ’47,a Vienna, venne per la prima volta eseguita una sua composizione (Poesia di Rilke per soprano e pianoforte). Nello stesso anno si  perfezionavacon il pianista Pietro Scarpini a Siena.
Si è diplomato nel 1954 a Roma sotto la guida di Goffredo Petrassi. Dal 1955 al 1962 era presente ai Ferienkurse di Darmstadt. Nel 52 si spostò a Roma dove divenne allievo di Bruno Maderna. Realizzò presso lo Studio di Fonologia Musicale della Radiotelevisione Italiana di Milano, Collage 2 (1960), Collage 3 (Dies irae) (1967) e Collage 4 (Jesu, meine Freude) (1979). Nei primi anni sessanta fu tra i fondatori dell’associazione romana Nuova Consonanza, assieme a Mauro Bortolotti, Franco Evangelisti, Domenico Guaccero e Francesco Pennisi. Dal 1971 al 1992 ha tenuto la cattedra di Teoria musicale presso il DAMS della Facoltà di Lettere dell’Università di Bologna ed è stato spesso invitato a tenere corsi e seminari di composizione presso varie istituzioni italiane e straniere. Ha ricevuto vari premi e riconoscimenti internazionali, tra cui il secondo premio del concorso della Società Internazionale di Musica Contemporanea (SIMC) nel 1959, il primo premio della stessa manifestazione nel 1963 nonché il “Premio Abbiati” assegnatogli dalla critica musicale italiana nel 1992. Dal 2006 fino alla sua morte è stato direttore onorario dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini” di Catania.