Achille Millo

Achille Millo, nome d’arte di Achille Scognamillo, è stato un attore italiano. Formatosi nella scuola partenopea, debuttò in teatro nel 1945, con la Compagnia De Sica-Gioi-Stoppa-Cortese in Catene. Fu scritturato da Luchino Visconti per una piccola parte in Delitto e castigo e rimase a fianco del regista per due anni come assistente. Nel 1947-48 guadagnò il primo grande successo con N.N. di Leopoldo Trieste. Successivamente fu diretto da Giorgio Strehler, Eduardo De Filippo e Vittorio De Sica. Tra le sue più importanti interpretazioni ricordiamo: Questa mia donna (1958), L’esca (1958), Il borghese gentiluomo (1959), L’Alfiere (1956), Il sogno dello zio (1956), Tessa la ninfafedele (1957), I miserabili (1964), Il Conte di Montecristo (1966) e Il marchese di Roccaverdina (1972).  Nel 1960 ha doppiato Alain Delon nel film Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti.Vincitore nel 1965 di una gara di attori per il miglior lettore di un brano di Dante, incise 28 canti della Divina Commedia. Fu l’inizio di un’attività radiofonica intensa, costellata da 300 trasmissioni dedicate alla poesia, cui si aggiunsero quelle di radioteatro e varie rubriche. Tra i suoi lavori teatrali si ricorda Io, Raffaele Viviani, scritto con Antonio Ghirelli, spettacolo di cui lo stesso Millo curerà la regia e ne sarà interprete insieme alla moglie, Marina Pagano, Antonio Casagrande e Franco Acampora. Lo spettacolo andò per la prima volta in scena nel 1970 e nel 1979 sarà al Metropolitan di New York. Si è spento a Roma il 18 ottobre 2006.