Gestire i conflitti: LA COMUNICAZIONE ETICA 2011-2012

Corso di Formazione per i Docenti con la partecipazione degli studenti – Anno Scolastico 2011-2012

2° ciclo: la deformazione della realtà. Il comportamento non verbale
Direttiva N. 90 del 1.12.2003 (Art. 5)

La nostra Associazione, che ha tra le sue finalità istituzionali quella di promuovere il rispetto dei diritti umani, della convivenza civile e della dignità della persona nella sua integrità, materiale e spirituale, da anni cerca di favorire una comune riflessione sulla natura universale di tali principi etici, nonché sulle modalità di una loro concreta attuazione, attraverso convegni, seminari di studio, progetti di ricerca, con una particolare attenzione rivolta ai giovani.

Ai sensi della Direttiva Ministeriale n. 90 del 1.2.2003 (Art. 5), proponiamo per il prossimo Anno Scolastico il seguente Corso di Formazione destinato ai Docenti degli Istituti Superiori con la partecipazione degli studenti.

MOTIVAZIONI DEL CORSO

La nostra Associazione ha realizzato, negli ultimi tre anni, varie edizioni del Corso Esperienziale di Comunicazione “Gestire i conflitti: la comunicazione etica”, autorizzato con decreto MPI – Direzione Generale del Personale scolastico.

Il Corso, rivolto ai Docenti della Scuola Secondaria superiore provenienti da diverse regioni d’Italia e caratterizzato dalla partecipazione degli studenti, si è posto l’obiettivo del potenziamento delle risorse comunicative dei partecipanti, fornendo elementi di ascolto attivo, assertività e gestione dei conflitti, con la finalità di migliorare il dialogo tra le parti.

Come indicano infatti le recenti ricerche internazionali, il successo formativo dei nostri studenti, vale a dire le competenze e le abilità che permettono di vivere in prima persona il proprio tempo, dipendono in larga misura dalla qualità delle relazioni che si instaurano all’interno del sistema scolastico tra docenti ed alunni. Risulta pertanto di estrema importanza saper rispondere in maniera efficace ai bisogni formativi degli insegnanti e degli studenti nell’attuale società complessa.

Le difficoltà relazionali, che appaiono ormai di natura epocale, prendono forma in maniera evidente nella scuola, oltre che nelle famiglie, ed il costante rimando a valori fondamentali quali il rispetto, la dignità, la responsabilità, viene spesso contraddetto dalle modalità di comunicazione e di comportamento concretamente sperimentate.

Cresce, in ogni caso, il bisogno di interrogarsi sul fenomeno, con la conseguente domanda di strategie sostenibili. Visto il notevole successo riscontrato nelle precedenti edizioni, si propone un nuovo Corso di formazione, di secondo livello, sul tema della Comunicazione Etica e della prevenzione dei conflitti.

Direttore responsabile del Corso:

Professoressa Giovanna Bufalini, membro CDA Associazione Athenaeum NAE

Nominativi e qualifiche dei Relatori

Il Corso è tenuto dai responsabili didattici
della Scuola di Counseling della Fondazione dell’Ospedale Fatebenefratelli di Roma:

Claudio Bastianelli, Medico Dirigente di 1° Livello presso il Dipartimento di Emergenza e Accettazione Ospedale San Giovanni Calibita – Fatebenefratelli di Roma – Counselor formatore
Lucilla Tanno, dott.ssa in Storia e Filosofia, Counselor formatore

Destinatari

Per ciascun Corso, 12 insegnanti + 12 studenti. I docenti e gli studenti, preferibilmente di Istituti diversi, non si conosceranno tra di loro. Ogni Istituto potrà inviare non più di due insegnanti (non dello stesso corso) e due studenti purchè non allievi dei medesimi. Gli allievi saranno scelti tra i rappresentanti di classe oppure tra coloro di cui si ritiene particolarmente utile il miglioramento delle capacità relazionali.

Costo

La quota di iscrizione prevista per ogni Istituto partecipante è di € 100 e comprende la partecipazione di due docenti + due studenti, mentre Athenaeum si impegna a sostenere le rimanenti spese organizzative.

- Analisi di un caso pratico con possibili soluzioni e risposte aperte e multiple
- Test finale di misurazione dell’indice di gradimento del Corso attraverso la somministrazione di un Questionario
- Relazione finale da parte del Direttore responsabile del Corso.

Il Direttore del Corso
Giovanna Bufalini

2° ciclo – La deformazione della realtà. Il comportamento non verbale
Il comportamento non verbale intende essere il naturale approfondimento delle tematiche relative al miglioramento della comunicazione e della comprensione reciproca, sperimentando diverse modalità di interazione costruttiva nel rispetto dei valori fondamentali della persona. Etica è una parola abusata, ma lavorare sulle disfunzioni della nostra comunicazione per aumentare la possibilità di comprendersi è senza dubbio un lavoro “etico” nel senso che va a rinforzare proprio quei valori di rispetto, di dignità e di responsabilità di cui oggi la scuola vuole farsi portavoce.

In un contesto laboratoriale ed esperienziale, si approfondiranno le seguenti tematiche:

• La comprensione del punto di vista dell’altro e delle mappe con cui la persona si rappresenta la realtà
• L’importanza e la decodifica del linguaggio non verbale come espressione della personalità individuale.

Struttura e sede del Corso

Il corso, della durata complessiva di 12 ore strutturato in due giornate di 6 ore ciascuna, avrà luogo nelle seguenti date:

1° Incontro: 25 ottobre 2011 dalle ore 10,30 alle ore 16,30
2° Incontro: 26 ottobre 2011 dalle ore 9,30 alle ore 15,30

Sede: Associazione Athenaeum, in via Morosini, 16 – 00153 Roma (Trastevere)

Visto l’alto numero di adesioni, sono previste ulteriori sessioni del Corso:

1° Incontro: 7 febbraio 2012 dalle ore 9,30 alle ore 15,30
2° Incontro: 8 febbraio 2012 dalle ore 9,30 alle ore 15,30

Finalità ed obiettivi

Aumento della comprensione reciproca ed empatica tra studenti e insegnanti, fornendo elementi di decodifica del comportamento non verbale

Potenziamento delle risorse comunicative di insegnanti ed alunni, con la finalità di migliorare il dialogo tra le parti, la comprensione dei diversi punti di vista e dei diversi sistemi rappresentazionali individuali.

Metodologia

Il Corso sarà impostato in modo pratico, attraverso esperienziali, simulate, discussioni e rielaborazione di vissuti in gruppo. Nello stesso tempo, attraverso lezioni frontali e interattive fornirà delle conoscenze teoriche di base che consentano di orientarsi sull’ascolto attivo, la comunicazione assertiva, il conflitto, la mediazione e la negoziazione. Si farà uso di strumenti che possano accelerare il processo di consapevolezza e di comprensione: visione di filmati a tema e utilizzo di video-camera.