Ricerca Scientifica e Ambiente

Ricerca Scientifica e Ambiente30 Ottobre 1999
Pomeriggio di studio

presso la sede di Athenaeum:
Via Emilio Morosini 16, Roma

Relatori:
prof. Giovanni Degli Antoni, Coordinatore del Polo Didattico e di Ricerca di Crema, Università di Milano
prof. Giorgio Fiocco, Ordinario di Fisica Terrestre, Università La Sapienza di Roma
arch. Cettina Gallo, Responsabile del Centro Nazionale di Architettura Bioclimatica, E.N.E.A.
prof.ssa Rossella Palomba, Dirigente di Ricerca, Istituto di Ricerca sulla Popolazione, CNR
prof. Fabio Pistella, Presidente dell’A.R.P.E. Agenzia per la promozione della Ricerca Europea
prof. Alfonso Sutera, Ordinario di Fisica Sperimentale, Università La Sapienza di Roma

Coordinamento:
prof. Umberto Colombo, Fondazione ENI “Enrico Mattei”

Nell’ambito del Pomeriggio di Studi su “Ricerca scientifica e Ambiente”, il prof. Colombo ha evidenziato la complessità del problema ambientale, che mette in pericolo la sostenibilità dello sviluppo e la qualità della vita; il prof. Degli Antoni ha affermato che lo sviluppo economico ha determinato effetti collaterali negativi, e che si avverte l’esigenza di “tecnologie sociali” specifiche per la qualità dell’ambiente e della vita stessa; la prof.ssa Gallo ha illustrato il ruolo dell’architettura “sostenibile”, che favorisce l’etica del risparmio energetico e del vivere in armonia con l’ambiente; la prof.ssa Palomba ha analizzato i problemi della globalizzazione dal punto di vista demografico; il prof. Pistella ha esaminato i rischi del processo di globalizzazione riguardo all’ambiente e alla ricerca scientifica, affermando che il rischio maggiore investe la dimensione etica. E’ necessario perciò costruire una sede istituzionale ove potersi confrontare sui valori. Il pluralismo dei valori morali non implica necessariamente il relativismo. Il prof. Sutera, infine, ha sottolineato che la tutela di un bene comune come il clima, non può essere lasciato alla cura di una singola cultura o nazione.

Progetto “Per un’Etica del villaggio globale”