Dieci anni di AIDS in Italia

Dieci anni di AIDS in Italia

Via Luciano Manara – Roma – martedì 31 maggio 1994

Relatore:
Ferdinando Aiuti, immunologo e fondatore dell’Anlaids

L’Aids non è soltanto una malattia mortale nell’esito e minacciosa nel suo diffondersi. È una realtà drammatica che grava sulla società, che sta modificando le abitudini sessuali, che ha costretto lo Stato a fare scelte precise in materia di informazione sanitaria su argomenti a lungo considerati tabù.

All’inizio degli anni Ottanta, il prof. Aiuti iniziò a studiare un virus sconosciuto e si trovò a fronteggiare problemi di ben più ampia portata. Si accorse che l’impegno puramente scientifico e assistenziale non era più sufficiente, che avrebbe dovuto forzare il suo ruolo di medico. E infatti la sua battaglia contro l’Aids è diventata lotta per l’informazione corretta, per ottenere i fondi necessari alla ricerca e all’assistenza, per far conoscere i rischi legati a determinati comportamenti. Prendersi cura dei sieropositivi ha comportato il calarsi in un universo complesso e coinvolgente, in vicende di rifiuto affettivo e di emarginazione sociale, tragedie personali e famigliari.

Il prof. Aiuti ha raccolto la sua esperienza in un libro “Nessuna condanna” (Sperling & Kupfer, 1993) nel quale le storie narrate segnano con la loro intensità il racconto lucido dello scienziato.